La displasia del gomito del cane è una malattia su base ereditaria caratterizzata da un anomalo sviluppo scheletrico. Tale anomalia provoca una non corretta distribuzione delle forze sulle superfici articolari, con conseguente sviluppo di osteoartrosi.

Una diagnosi precoce è fondamentale.

Lo studio radiografico per la diagnosi precoce per la displasia di gomito come per quella dell’anca viene eseguito in sedazione. Il referto indicherà se ci sono difetti articolari che necessitano di chirurgia. L’età ideale per fare diagnosi precoce è compresa tra i 4 e gli 8 mesi, per questo motivo in genere si esegue in contemporanea con la diagnosi precoce di displasia dell’anca.

Dopo l’anno di età è possibile eseguire lo studio radiografico per la diagnosi definitiva di displasia del gomito come per l’anca.

Le patologie che si riscontrano nei pazienti con displasia di gomito sono le seguenti.

UAP (mancata unione processo anconeo)

Il processo anconeo, che nel cane immaturo non si è ancora unito all’olecrano (estremità superiore dell’ulna), a causa di una eccessiva pressione resta un corpo mobile nell’articolazione provocando artrosi.

Gomito con mancata unione del processo coronoideo.

FCP (frammentazione processo coronoideo mediale)

In questa displasia del gomito, a causa di una maggior distribuzione del peso sul comparto mediale, il processo coronoideo mediale sottoposto a una continua sollecitazione si frammenta, liberando numerosi corpi mobili intrarticolari.

Gomito con frammentazione del processo anconoideo.

Incongruenza articolare

Questa patologia è la conseguenza di uno sviluppo non omogeneo di radio ed ulna che se non curata in tempo (vedi osteotomie correttive) provoca una delle patologie sopra descritte.

OCD (Osteocondrite Dissecante)

Nei pazienti affetti da OCD si crea una area di necrosi sulla cartilagine articolare dell’omero che provoca una grave artrosi.


GALLERIA FOTOGRAFICA

Approfondimento:

Displasia del gomito: chirurgia

FacebookMore...