Viaggiare con gli animaliSi avvicina il mese caldo per le partenze estive e, come ogni anno, si presenta il problema di viaggiare con gli animali oppure di come gestire il proprio cane e il proprio gatto durante le vacanze.

Non preoccuparti, le soluzioni ci sono!

Ad esempio, si può scegliere una pensione seria o incaricare una persona di fiducia, che permettono di partire in serenità lasciando il vostro pet a casa, sapendo che ci sarà qualcuno sempre disponibile ad accudirlo.

Oppure, opzione che sta prendendo sempre più piede, decidere di viaggiare con gli animali insieme a tutta la famiglia: attenzione, questa soluzione, sebbene sembri perfetta, nasconde alcune difficoltà che bisogna considerare.

Cosa bisogna fare per viaggiare con gli animali serenamente?

La preparazione del viaggio perfetto comincia nell’ambulatorio del Veterinario.

  • Qualche giorno prima della partenza, è necessario sottoporre l’animale a un accurato check-up: solo così si attesta il buono stato di salute e si escludono patologie in atto, che potrebbero minare la serenità della vacanza.
  • Se l’animale è particolarmente ansioso, è bene concordare già con il Veterinario una terapia per alleviare i sintomi del potenziale malessere e per ridurre il mal d’auto (o di nave, di treno, di aereo…).
  • Insieme al Veterinario, concordate un kit basico di pronto soccorso, con tutto il necessario che potrebbe servire in caso lievi incidenti.
  • Informati sulle norme in vigore per il trasporto di animali sui mezzi che prenderai.
  • Preparare i documenti necessari per il viaggio:
    • Libretto sanitario, controllato e aggiornato dal Veterinario al momento del check up pre-partenza
    • Passaporto europeo dell’animale, necessario se andrai all’estero
    • Documenti o certificati specifici necessari per il paese che visiterai. Attenzione, informati con anticipo: in alcuni Paesi sono obbligatorie profilassi che in Italia non lo sono, quindi devi avere il tempo di vaccinare correttamente l’animale.

 

Ricordati di preparare la valigia anche per il tuo amico.Viaggiare con gli animali

Indispensabile:

  • Il cibo che mangia quotidianamente
  • Eventuali farmaci che deve prendere
  • Le sue ciotole
  • Guinzaglio e museruola
  • Giochi preferiti
  • Sacchetti igienici o lettiera
  • Per il periodo del viaggio e della vacanza, è consigliato aggiungere al collare una targhetta con i recapiti del proprietario. L’animale, magari confuso dallo spostamento, potrebbe manifestare di più la tendenza a scappare. L’uso della targhetta rende il rintracciamento del proprietario molto più veloce!

Qualunque sia il mezzo di trasporto scelto è bene utilizzare gli opportuni accorgimenti e precauzioni per rendere il tragitto al tuo animale piacevole, confortevole e poco stressante.

 

IN AUTO

  • È opportuno abituare gradualmente l’animale agli spostamenti in auto, rispettando le norme stabilite dal codice della strada. Ricorda che, ai sensi dell’Art. 169 del nuovo codice della strada – Trasporto di persone, animali e oggetti sui veicoli a motore: “È consentito il trasporto di soli animali domestici purché custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete

    Viaggiare con gli animali in auto

  • Il cane (o il gatto) non deve mai essere lasciato libero nell’abitacolo: è pericoloso sia per gli umani che per l’animale stesso. Siamo consapevoli che sia dura rimanere impassibili ai pianti del nostro amico chiuso nel trasportino o nel baule (separato dall’abitacolo dall’apposita rete!) ma è per il suo bene: se resistete, presto avrete la meglio e i viaggi saranno più sereni per tutti. È bene tenere presente che, dato la loro mole ridotta, in caso di urto (anche un banale tamponamento) rischiano di essere sbalzati con grande velocità, subendo gravi traumi.
    Abituare un cucciolo è di solito più veloce che abituare un adulto: se cominciate da piccoli, il percorso sarà in discesa!
  • Lascia nel suo trasportino un gioco o una coperta che utilizza abitualmente: servirà per rendere l’ambiente più famigliare e il viaggio meno stressante.
  • Il rischio di colpo di calore è sempre dietro l’angolo: evitare di viaggiare nelle ore più calde e non tenere l’aria condizionata troppo forte.
  • Se possibile, è bene tenere almeno un finestrino parzialmente aperto, in modo da garantire un buon ricambio di aria.
  • Fare attenzione ed evitare brusche accelerazioni e frenate: il mal d’auto colpisce anche gli animali! Per questo motivo è consigliato posticipare il pasto all’arrivo a destinazione o somministrarlo non più di tre ore prima della partenza.
  • Pianificare lungo il percorso soste regolari per permettere all’animale di sgranchirsi le gambe e fare i suoi bisogni: è bene approfittare anche per dargli da bere acqua fresca.

 

trasportinoIN TRENO, AEREO, NAVE, TRAGHETTO

  • Controllare sempre il regolamento previsto dalla compagnia con la quale partirai: purtroppo non c’è uniformità nello stabilire entro quali dimensioni possano viaggiare in cabina o debbano essere imbarcarti in stiva.
  • Salvo pochi casi, è molto probabile che ti sia richiesto di viaggiare con gli animali nel trasportino: scegli il modello appropriato per la sua dimensione e abitualo a usarlo per tempo, in modo che non rimanga traumatizzato dall’esperienza del viaggio.
  • Durante lo spostamento, l’animale non dovrebbe mai uscire dal trasportino se non in comprovate condizioni di sicurezza e dove non ci siano vie di fuga accessibili.
  • È opportuno, anche se non esplicitamente indicato, avere con sé la museruola: anche se siete certi che il vostro cane non faccia male a nessuno, potrebbe essere necessario attraversare zone in cui è obbligatoria oppure dove non è possibile garantire il distanziamento da altre persone.

 

IL PASSAPORTO EUROPEO PER ANIMALI DOMESTICI

Per spostare cani, gatti e furetti fra Paesi interni alla UE, è necessario possedere il Passaporto Europeo per animali domestici, come previsto dal Regolamento (UE) 576/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 12 giugno 2013.

In Italia, il Passaporto Europeo è rilasciato dai servizi veterinari dell’Azienda Sanitaria Locale su richiesta del proprietario.

Questo documento contiene:Viaggiare con gli animali in barca

    • Dati anagrafici dell’animale, incluso il numero identificativo di microchip 
    • (obbligatorio anche per gatti e furetti)
    • Elenco di tutte le vaccinazioni effettuate, inclusa quella antirabbica
    • Visite mediche
    • Eventuali trattamenti antiparassitari

    La vaccinazione antirabbica deve essere effettuata almeno 21 giorni prima dell’introduzione dell’animale nel Paese di destinazione. È bene quindi muoversi con largo anticipo rispetto alla data di partenza.

     

    COSA FARE TORNATI A CASA?

    Viaggiare con gli animaliAnche il nostro amico a quattrozampe potrebbe soffrire da “stress del rientro”!
    Il periodo della vacanza è per l’animale di forte stimolo: trascorre tanto tempo con il padrone, è impegnato in attività nuove in un ambiente diverso… e poi torna a casa, e il padrone riprende il normale ritmo lavorativo e si recuperano le abitudini domestiche. Il nostro cane o gatto potrebbe essere un po’ apatico.

    Cosa possiamo fare?

    Cerchiamo di ritagliarci, fra gli appuntamenti della giornata, un momento solo per lui, con attività che lo divertano: una passeggiata, un giro in macchina, un gioco nuovo da fare insieme.

    Prestissimo il nostro pet tornerà di ottimo umore!

    Ora viaggiare con gli animali è molto più tranquillo! 

    Parti serenamente, contattaci ora per una visita >

    FacebookMore...